in ,

Non puoi stampare l’autocertificazione? Ecco cosa fare per uscire di casa senza rischiare la multa e altre sanzioni.

Autocertificazione coronavirus, vediamo come fare se non hai a disposizione stampante o cartucce. Il modulo di autocertificazione, come saprai, serve per uscire di casa, e deve indicare i motivi dello spostamento. Questo va consegnato alla Polizia o ai Carabinieri in occasione dei controlli a campione, insieme al documento d’identità.

Non tutti però hanno la possibilità di scaricare il modulo da stampare e compilare a casa. Come bisogna comportarsi in questo caso? Moltissime persone si fanno questa domanda, anche perché il premier Conte ha annunciato l’incremento dei controlli delle Forze dell’ordine e l’inasprimento delle sanzioni. Vediamo come risolvere il problema.

Autocertificazione, che fare se non ho la stampante?

Da quando ha avuto inizio l’emergenza coronavirus, agli italiani è stato imposto di compilare e firmare il modulo di autocertificazione in cui dichiarare il motivo dello spostamento, che è giustificato solo per ragioni di salute, lavoro, necessità e assoluta urgenza. Nessun decreto pubblicato fino ad ora prevede l’obbligo per il cittadino di stampare il modulo a casa, anche perché non tutti hanno a disposizione una stampante personale, e chi ce l’ha potrebbe aver finito carta o inchiostro.

Per questo chi non può provvedere in autonomia non ha nulla da temere: in caso di controllo da parte delle Forze dell’ordine saranno gli agenti a consegnare il modulo. Quindi basterà compilare e firmare l’autocertificazione dinanzi ai poliziotti o ai carabinieri.

Questo significa che se non hai con te l’autocertificazione non rischi alcuna sanzione. La multa scatta solo se non hai un motivo valido per giustificare lo spostamento e se hai violato la quarantena.

Autocertificazione scritta a mano

In assenza della stampante, potresti anche trascrivere l’autocertificazione di tuo pugno. Basta copiare su un foglio il modello del Ministero dell’Interno in ogni sua parte e firmare. In alternativa, se nemmeno le Forze dell’ordine dovesse avere il modulo di autocertificazione con loro – ipotesi improbabile ma possibile – puoi fare una dichiarazione verbale. Questa sarà trascritta dagli agenti e a te sarà chiesto solamente di firmare e mostrare un documento valido ai fini del riconoscimento.

Autocertificazione digitale con App: è valida?

In un primo momento sembrava che fosse possibile utilizzare l’autocertificazione digitale, quindi senza la necessità di stampare alcun modulo. Nonostante le buone premesse iniziali, l’App per le certificazioni online ha avuto vita assai breve ed è stata sospesa. Quindi per dichiarare gli spostamenti è valido solo il cartaceo.

Non ho un motivo valido per uscire: cosa rischio?

Nel decreto del 25 marzo 2020 le sanzioni per chi esce di casa senza motivo di lavoro, salute, necessità o urgenza sono state inasprite: si rischia la multa da 500 a 5000 euro e l’arresto da 3 a 18 mesi, sanzione aumentata di un terzo se il fatto è commesso con un veicolo, e del doppio in caso di comportamento reiterato.

Ben più gravi le conseguenze per i positivi alla COVID-19 che non rispettano la quarantena: in tal caso scatta il penale e si rischia la reclusione fino a 5 anni.

money

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Quando riapriranno le scuole? A settembre, forse. Per Luca Zaia ci sono troppo rischi: alunni popolo di contagiatori

Coronavirus. Nuove regole in Sicilia sul servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti