in , , ,

AngryAngry CryCry

Operai Forestali. Analisi, prospettive attuali e future

Passa il tempo e niente di nuovo si vede all’orizzonte per i Forestali siciliani. Parliamo dell’inizio dell’attività lavorativa e sul fronte della riforma del settore.

Sul primo punto si dovrebbe iniziare a pianificare la stagione (già chiesto l’ennesimo incontro dei sindacati) per capire realmente se ci sono i fondi da mettere sul piatto, visto che si affermano e subito dopo si smentiscono.Attività che potrebbe mettersi in moto dal prossimo mese se si confermano i tempi passati, con marzo compagno di viaggio per i 151nisti e nei mesi successivi per tutti gli altri e completare le fasce. 

Il secondo punto è un’inversione di tendenza che potrebbe essere rappresentata dalla riforma che metterebbe sul piatto una forza lavoro non indifferente se vengono mantenute le promesse fatte dai vertici politici del governo regionale. Certo, mantenersi calmi e pacati nell’attesa può essere una tisana per la maggior parte dei Forestali abituati ad essere imboccati durante gli anni ma, non lo è per altrettanti che snervati da queste lunghe attese chiedono interventi immediati ai sindacati sordi dal grido dei lavoratori forestali.

 Una situazione variegata in aggiunta alle nuove sentenze legali sempre più interessanti e accattivanti per tanti che sperano in in cambiamento finale e risolutivo, fregandosene delle bufale di presunti licenziamenti per chi intraprende la via dell’avvocatura. Iniziare a lavorare è un’alternativa consona per avviare la lunga attesa ma su questo niente è scritto soprattutto se si attende seduti alle poltrone. Entro fine mese si attende la risposta di fattibilità dal governo regionale, sulla questione della riforma,almeno queste sono le voci degli ultimi incontri con i sindacati, dunque ultimo valico per arrivare all’obiettivo finale o meno, non trascurando che tutto potrebbe ancora durare e allungare i tempi sulle prese in giro.

Tralasciando la questione dello stipendio di Dicembre e pur sapendo che si ha ragione a percepirlo in tempi consono per “campare la famiglia”, così come i sindacati non fanno niente a tal proposito, si deve mettere in atto la probabilità negative cioè….. se tutto salta. L’unico obiettivo rimane la lotta in piazza ma, conoscendo i polli questa è di difficile attuazione. Rimane solo la via legale libera di intraprenderla e, attendere le sentenze definitive, ove su questo solo il tempo può dare sollievo lavorativo e/o economico, per coloro che percorrono e pensano diversamente dalla solita mentalità del lavoratore forestale.

What do you think?

-1 points
Upvote Downvote

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Ambiente e biodiversità. Bilancio positivo per i CC Forestali di Campobasso

Poche nascite. Dati allarmanti