in , ,

Piano Vaccinale, inserire i dipendenti dei Consorzi di Bonifica tra i lavoratori dei servizi essenziali

I sindacati di settore Fai, Flai e Filbi hanno inviato insieme allo Snebi, Sindacato Nazionale Enti Bonifica Irrigazione, una lettera al Commissario per l’emergenza Covid per richiedere che i dipendenti dei consorzi di Bonifica vengano inseriti nella fase di vaccinazione che riguarderà i lavoratori dei servizi essenziali.


“Aver redatto assieme alla nostra controparte questa richiesta relativa alla campagna vaccinale dimostra la maturità di un settore che di fronte alle sfide più difficili e drammatiche sa muoversi unitariamente. In un momento storico come quello attuale, poi, i Consorzi di bonifica dovranno saper fare fronte comune per garantire la sicurezza dell’infrastruttura più importante per il nostro paese rappresentata dal territorio ed assicurare, al contempo, il giusto supporto al mondo agricolo. Tali fondamentali obiettivi potranno però essere raggiunti unicamente valorizzando, a partire per l’appunto dalla loro salute e sicurezza, i dipendenti dei Consorzi, vere e proprie sentinelle dei territori, spina dorsale dell’attività degli Enti”. Commenta il segretario generale della Filbi-Uila Gabriele De Gasperis.


“Chiediamo, pertanto, che i lavoratori del settore, la cui delicatezza delle mansioni li inscrive nell’ambito dei Servizi Essenziali del nostro Paese, possano essere inseriti nella fase di vaccinazione relativa a tali realtà. In questo modo verrebbe valorizzato il loro ruolo e, nel metterli in sicurezza dai rischi di contagio da Covid-19, verrebbe tutelata anche tutta l’utenza che quotidianamente ha a che fare con le loro professionalità” conclude De Gasperis.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Buongiorno Edicola. Le Prime Pagine dei Maggiori quotidiani di oggi 17 Febbraio

Quattro comuni in Lombardia in Zona Rossa. Fontana firma l’ordinanza