in , ,

Prevenzione incendi e qualità dell’aria. dal 1 Novembre vietato bruciare materiale vegetale in Piemonte

A partire dal prossimo 1 novembre, e sino al 31 marzo 2020, sarà vietato, su tutto il territorio regionale, bruciare materiale vegetale.

Lo stabilisce un’apposita legge in materia di incendi boschivi.

Su tutto il Piemonte, dunque, non si potranno accendere fuochi, anche se controllati, per bruciare materiale vegetale. La misura adottata dalla Regione va in una duplice direzione, sia di prevenzione degli incendi boschivi, che di tutela della qualità dell’aria, “con la riduzione della percentuale di polveri sottili”.

Nel periodo indicato dalla Legge regionale, infatti, il rischio d’incendi boschivi, in caso di precipitazioni assenti o decisamente sporadiche, è molto elevato e, se un tempo, il divieto di accendere roghi veniva emanato solo in caso di massima pericolosità, ora la prescrizione si estende a cinque mesi. Sono previste, eventualmente, specifiche deroghe al divieto.

Specialmente nelle zone di montagna, l’uso di piccoli fuochi controllati veniva spesso utilizzato, dai proprietari di boschi o terreni, per eliminare i mucchi di vegetazione (foglie e ramaglie), frutto della pulizia del terreno.

Le violazioni potranno vedere l’applicazione di sanzioni da un minimo di 200 a un massimo di 2mila euro.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Poco lavoro e pochi contributi. Pensioni di sopravvivenza per i siciliani

Maltempo in Sicilia. I danni in agricoltura ammontano a 350 milioni