in , , ,

“Proteggere la natura è l’unico modo per sottrarci alla roulette russa delle pandemie”

Se non si agisce con determinazione sulla causa principale delle pandemie – la distruzione della natura – il mondo continuerà a giocare “uno sfortunato gioco della roulette russa con gli agenti patogeni”. È l’allarme lanciato dalla Preventing Pandemics at the Source (Prevenire le pandemie all’origine), una nuova coalizione di organizzazioni per la tutela della salute e dell’ambiente.

La colazione – riporta il Guardian – esorta i governi a colmare una grave lacuna nei piani di ripresa post-Covid, ponendo al centro la tutela degli ambienti naturali.

Molti trilioni di dollari vengono giustamente spesi per rafforzare l’assistenza sanitaria umana e rilanciare l’economia globale, ha affermato la coalizione, ma sono vitali misure molto meno costose per fermare la deforestazione e porre fine al commercio illegale di fauna selvatica. L’appello è l’ultimo di una serie di avvertimenti di alto livello secondo cui andremo incontro a pandemie peggiori e più frequenti, in assenza di interventi decisi.

Si pensa che il coronavirus che causa il Covid-19 sia passato dai pipistrelli selvatici all’uomo e circa due terzi delle malattie che infettano gli esseri umani iniziano in altre specie, tra cui i virus dell’influenza, dell’HIV, Zika, del Nilo occidentale e dell’Ebola. La crescente distruzione della natura a causa dell’agricoltura, del disboscamento e del commercio di animali selvatici ha portato le persone e il loro bestiame a più stretto contatto con la fauna selvatica, aumentando negli ultimi decenni la circolazione di malattie attraversano le specie animali.

“I vaccini Covid-19 ci aiuteranno a salvarci da questo caos attuale, ma non serviranno a proteggerci dalla prossima pandemia”, ha detto Aaron Bernstein della Scuola di Sanità pubblica TH Chan dell’Università di Harvard negli Stati Uniti, che fa parte della coalizione. “Solo con azioni che fermano le infezioni emergenti dove iniziano possiamo concludere il nostro sfortunato gioco della roulette russa con gli agenti patogeni”.

Amy Vittor, della divisione malattie infettive e medicina globale dell’Università della Florida, ha dichiarato: “Le foreste, e le foreste tropicali in particolare, ospitano reti complesse di microbi e la loro fauna selvatica. La compromissione di questi ambienti aumenta il rischio di scatenare questi microbi sui nostri animali domestici e su noi stessi. Pertanto, il mantenimento dell’integrità delle foreste serve non solo a proteggere la biodiversità e mitigare il cambiamento climatico, ma anche a contenere queste reti patogene complesse e potenzialmente pericolose”.

Si ritiene che la spesa globale fino ad oggi in risposta a Covid-19 superi i 20 trilioni di dollari, ma uno studio di luglio stimava che spendere solo 27 miliardi all’anno ridurrebbe sostanzialmente i rischi di un’altra pandemia sulla scala dell’epidemia di coronavirus.

Jon Epstein, esperto di virus zoonotici presso l’EcoHealth Alliance, ha dichiarato: “La spesa relativamente modesta e la cooperazione tra i governi nei punti critici emergenti per combattere la deforestazione, ridurre in modo significativo il commercio di fauna selvatica commerciale e migliorare la biosicurezza intorno al bestiame aiuterebbero in modo significativo”.

Tagliare la deforestazione tropicale causata da carne di manzo, soia, olio di palma, pasta di legno e carta è fondamentale, afferma la coalizione. Riconoscere i diritti delle popolazioni indigene, che hanno secoli di conoscenza sul vivere in armonia con la natura, è un altro passo importante verso la protezione delle foreste.

Dall’inizio della pandemia di coronavirus, le Nazioni Unite, l’Organizzazione mondiale della sanità e altri hanno avvertito che il mondo deve affrontare la causa di questi focolai e non solo i sintomi sanitari ed economici. A giugno, gli esperti hanno definito la pandemia un “segnale di SOS per l’impresa umana”.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Vaccinazioni anti Covid-19, la denuncia di Ugl Sicilia. “A Catania oltre 3 ore di attesa per anziani e disabili. Basta disagi”

Decreto Sostegni. 30 marzo conferenza stampa Fai, Flai e Uila su mobilitazione dei lavoratori agricoli