in , , , ,

Riforma Forestale e rinnovo contratto lavoratori agricoli. “Il tempo è scaduto”

“Adesso non si aspetti che torni l’estate per parlare di rischio incendi e prevenzione che manca. Anche perché è già tempo di allerta-piogge e allarme per il dissesto idrogeologico”. Lo ha affermato il segretario generale della Uila, Stefano Mantegazza, oggi e domani a Catania per una riunione dell’organizzazione regionale Uil dei lavori agroalimentari convocata dal segretario Nino Marino alla presenza di Cristina Solfiz, direttrice nazionale della Copagri. Stefano Mantegazza ha ancora dichiarato: “In Sicilia la Uila rivendica ormai da anni una riforma fondata sulla valorizzazione di lavoratrici e lavoratori forestali che hanno  professionalità, passione, esperienza per affrontare queste sfide.

La Regione mantenga le promesse e presenti quel disegno di legge per il quale si sono mobilitati, accanto al sindacato unitario, centinaia di amministrazioni comunali dell’Isola”. Nino Marino ha proposto un “coordinamento interforze per combattere le minacce ambientali” e ha quindi spiegato: “Per difendere il territorio e tutelare i cittadini da roghi e bombe d’acqua serve una strategia che coinvolga non solo i forestali in un’attività di prevenzione sinora mancata, penalizzata da una frammentazione istituzionale di competenze francamente incomprensibile. La chiamino cabina di regia, la chiamino come vogliono, ma facciano presto. Noi siamo sempre pronti a confrontarci, mentre ci siamo francamente stufati delle lacrime di coccodrillo e della politica degli annunci”.

Da Catania il segretario generale Uila, Mantegazza, ha anche rilanciato la vertenza con Coldiretti-Cia-Confagricoltura sul rinnovo dei contratti provinciali dei lavoratori agricoli: “Questi contratti sono scaduti a dicembre 2019, poi il Paese si è fermato per il Covid e solo in poche realtà è iniziato il confronto per un rinnovo che la Uila considera obiettivo centrale e prioritario. Bisogna dare tutela economica e normativa a lavoratori che non si sono mai fermati in questi mesi difficili e che meritano un giusto riconoscimento”.

“Nel merito – ha spiegato il leader sindacale – vogliamo garantire il potere d’acquisto delle retribuzioni e potenziare la bilateralità territoriale in più direzioni: in primo luogo migliorare le prestazioni di welfare e i servizi aggiuntivi per lavoratori e aziende in tema di salute e sicurezza sul lavoro e di sorveglianza sanitaria, ma soprattutto per attuare le funzioni attribuite agli enti bilaterali dalla legge 199/2016 sul caporalato in materia di istituzione delle sezioni territoriali della Rete del lavoro agricolo e per la creazione di un sistema trasparente di incrocio tra domanda e offerta del lavoro agricolo”. Stefano Mantegazza ha concluso: “Valorizzare la bilateralità sarà centrale anche per garantire l’applicazione dei contratti anche nelle aziende in crisi che operano in un contesto di legalità e che investono su salvaguardia e stabilizzazione dell’occupazione”.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Sicilia. Premi a pioggia(7,5mln) per i dirigenti regionali, mentre i siciliani “si liccano a sarda”

In Sicilia lavoratori e imprese rischiano quattro volte di più