in , ,

Rimpasto di Governo. Poltrona in bilico per l’Assessore Bandiera

Cambi in vista nella Giunta regionale. Il rimpasto già in programma da tempo per fare spazio a qualche esponente della Lega, potrebbe smuovere alcune pedine importanti dello scacchiere di governo. In bilico, secondo indiscrezioni riportate in questi giorni e secondo voci di Palazzo, ci sarebbe l’assessore all’Agricoltura, il forzista siracusano Edy Bandiera. La delega all’agricoltura che è sempre stata, insieme a quella della sanità, una delle più ambite quando deve formarsi un nuovo governo alla Regione Siciliana, potrebbe dunque passare di mano e andare a un esponente siciliano del movimento di Salvini.x

Il mondo agricolo non ha però tardato a manifestare dubbi e perplessità. Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia, non ha dubbi. Non è d’accordo e in un post su Facebook si chiede: «Cambiamo, e perché? E perchè proprio in questo momento? Per avere almeno altri sei mesi di riorganizzazione?» Non ne fa, sia chiaro una questione di partito, ma di opportunità: «Dopo due anni e in piena pandemia non è il momento per cambiare l’assessore all’agricoltura. Non ce lo possiamo permettere. Spero nella ragionevolezza del governatore».

Dello stesso avviso anche i vertici del Doses, il Distretto orticolo del Sud Est Sicilia, e del nascituro Distretto del cibo del Sud Est Siciliano: auspichiamo – dicono – «che l’assessore Bandiera e il suo staff continuino il proprio operato per dare prova di ulteriori risultati e dare seguito alle tante e proficue attività in corso». Il giudizio dei due Distretti sul lavoro svolto da Bandiera è decisamente positivo: «Dal 2017 l’assessore regionale all’Agricoltura, Sviluppo rurale e Pesca mediterranea della Regione Siciliana ha dato prova di efficienza, di sensibilità e di concretezza per l’intera filiera agricola ed alimentare. Il dialogo tra istituzioni e territorio del Sud Est siciliano è stato costante e ciò ha permesso di apportare non solo migliorie per la filiera agroalimentare e così snellire la macchina burocratica, ma anche creare le basi per sperimentare in maniera operativa strumenti utili e innovativi per il mondo rurale».x

Un endorsement esplicito nei confronti di Bandiera e del suo gruppo dirigente viene anche dal mondo della “triplice” sindacale. «Apprendiamo dalla stampa – dicono in una nota congiunta i segretari generali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Sicilia, Pierluigi Manca, Tonino Russo e Nino Marino – di un imminente rimpasto nella Giunta regionale. Non vogliamo entrare nel merito di scelte legate ad equilibri politico-partitici ma, in quanto parti sociali che rappresentano un pezzo importante del mondo del lavoro nel settore agro-ambientale siciliano, non possiamo negare la nostra preoccupazione. Potrebbero arrestarsi o venir meno, infatti, percorsi già avviati e questo, oltretutto, si verificherebbe in un periodo storico straordinario e di grande insicurezza come questo, segnato dalla pandemia». E aggiungono: «Non sappiamo come dovremo affrontare tutti insieme le difficoltà emerse in questi mesi nel mondo del lavoro. Ma partiamo da una certezza. Con questo governo, con gli assessori all’Agricoltura e al Territorio Edy Bandiera e all’Ambiente Toto Cordaro, abbiamo definito l’iter che ha portato al rinnovo del contratto regionale dei forestali garantendo più salario e più diritti ai lavoratori».

«Abbiamo, peraltro, trovato nell’assessore Bandiera competenza e grande disponibilità ad attivare tavoli di confronto per affrontare problematiche vecchie e spinose dei nostri comparti come quelle dei Consorzi di Bonifica, dei Forestali e dell’Agricoltura nel suo complesso – concludono Manca, Russo e Marino – e proprio in questi giorni, altresì, abbiamo definito con il dirigente del Dipartimento un ottimo protocollo di sicurezza per il comparto forestale della manutenzione, che permetterà l’assunzione dei lavoratori. Con gli assessori Bandiera e Cordaro abbiamo intrapreso un percorso di riforma del settore forestale che, nonostante il rallentamento di questi mesi dovuto all’emergenza sanitaria, sembra stia giungendo a definizione. Riteniamo che tali risultati non vadano dispersi e che non debbano essere vanificati gli sforzi fatti per migliorare le condizioni di vita dei lavoratori».

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Campagna Forestali Antincendio.Domani i sindacati di base incontrano l’Ass. Cordaro

Forestali. Il cambio dell’Assessore Bandiera porterebbe problematiche ancor di più di quelle che già vivono e vegetano