in , , ,

Rischio virus. Braccianti agricoli in stretto contatto sui furgoncini. Denuncia della Uila Sicilia

 “Alcuni furgoncini che trasportavano braccianti sono stati bloccati oggi dalle forze dell’ordine in provincia di Catania perché evidentemente sovraffollatiquindi ad altissimo rischio di contagio da CoronavirusNon possiamo tacereI prodotti della terra sono beni essenziali, ma ancor più essenziali sono i lavoratori della filiera agricolaIn Sicilia, come altrove, rivendichiamo da tempo per loro più attenzione e rispetto. Oggi, esiste una ragione in più per gridare questa richiesta!”. Lo afferma il segretario generale della Uila SiciliaNino Marino.

Marino prosegue: “Altro che vita all’aria aperta e occupazione salutare! I braccianti percorrono ammassati nei furgoni centinaia di chilometri per raggiungere i luoghi di lavoro, operano a decine nelle campagne gomito a gomito condividendo utensili e attrezzi, senza parlare dei servizi igienici che spesso sono inesistenti o fatiscenti. Non vanno dimenticati, poi, quanti sono impiegati nei magazzini per il confezionamento della frutta. Sono a decine, in alcuni casi centinaia, costretti a coesistere negli stessi spazi al chiuso come gli operai delle serre e delle aziende zootecniche. Anche da loro dipende la nostra sopravvivenza ma sono troppo spesso lavoratori dimenticati, abbandonati a sé stessi, invisibili. Esattamente come i forestali, di cui ci si ricorda solo nei momenti di emergenza ambientale”.

Oggi – prosegue Nino Marino – di fronte a una nuova, terribile, emergenza provocata dalla pandemia da Covid 19 pretendiamo l’applicazione corretta e rigorosa delle disposizioni a tutela della salute pubblicaI provvedimenti d’urgenza firmati dal presidente del Consiglio, che citiamo testualmente, garantiscono nel rispetto della normativa igienico-sanitaria le attività del settore agricolo, zootecnico e di trasformazione agroalimentare comprese le filiere che offrono beni e servizi rispetto a queste attività”.

Infine conclude: “Se quel rispetto della normativa igienico-sanitaria viene meno, non si può restare alla finestra per cinismo o ignavia. Alle imprese rivolgiamo un appello e una diffida, perché salvaguardino i lavoratori. Alle forze dell’ordine diciamo grazie per quanto stanno facendo ancora adesso, in condizioni francamente proibitive. Ai lavoratori chiediamo di alzare la testa e segnalare eventuali segnalazioni: la Uila è pronta a dare loro voce”.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Rispetto delle norme in Sardegna. Contro il Coronavirus scendono in campo 1300 agenti del Corpo Forestale

Il Sifus chiede al Presidente Conte di anticipare di due mesi l’indennità di disoccupazione agricola