in , , ,

Sale la tensione in Israele. Razzi di Hamas su Gerusalemme, Tel Aviv risponde con raid su Gaza

È altissima la tensione in Israele. Sono stati 150, dicono i media israeliani, i razzi che dalle 17 italiane sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza verso il territorio dello Stato ebraico, alcuni verso le zone di Gerusalemme. Dopo i nuovi scontri tra i manifestanti palestinesi e la polizia israeliana sulla Spianata delle Moschee, che hanno provocato oltre 270 feriti, Hamas aveva lanciato un ultimatum a Israele: aveva dato tempo “fino alle 18” (le 17 in Italia) per far uscire i suoi soldati e i suoi coloni dalla Moschea Al Aqsa e dal rione di Sheikh Jarrah e rilasciare chi è stato arrestato in questi giorni. Poco dopo la scadenza, le sirene di allarme antimissili hanno iniziato a risuonare a Gerusalemme e dintorni. Secondo i media, sono state udite esplosioni. Il portavoce dell’ala militare di Hamas, brigate Ezzedin al-Kassam, ha confermato che il suo movimento ha lanciato una salva di razzi verso Gerusalemme. La polizia ha evacuato le persone al Muro del Pianto della Città Vecchia. Anche i deputati della Knesset, il Parlamento israeliano, hanno lasciato l’aula e il palazzo dopo il risuonare delle sirene. Intanto, il ministero della Sanità di Hamas a Gaza ha annunciato la morte “di 20 persone, tra queste 9 minorenni”, durante gli attacchi di Israele nel Nord della Striscia, ma manca un riscontro dell’esercito israeliano. Tel Aviv e varie altre cittadine limitrofe, tra cui Rishon Lezion e Ramat Gan, hanno aperto i rifugi pubblici antimissile.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

La Giunta Regionale di Calabria approva il piano antincendio boschivo 2021

Stati Uniti. Via libera al vaccino Pfizer per i bambini tra i 12 e 15 anni