in , , ,

Sequestro pescatori in Libia. Toni Scilla (FI): “Roma invii delegazione a Bengasi per accettarsi delle reali condizioni, anche sanitarie

“Dopo oltre 45 giorni di prigionia, dei 18 pescatori sequestrati in Libia, a Bengasi, di fatto non si hanno assolutamente notizie rispetto alla motivazione del sequestro, ai tempi del loro rilascio e soprattutto non si sa nulla sulle loro reali modalità di trattamento e sul loro vero stato di salute.

Parliamo di persone che svolgono un’attività lavorativa difficile, rischiosa, fatta di immensi sacrifici. Parliamo di cittadini, onesti lavoratori del mare, che rimangono per completare la loro battuta di pesca, nel Canale Di Sicilia, anche oltre 60 giorni lontano dalle loro famiglie.

È normale che senza nessuna dannata ragione questi uomini vengano privati della loro libertà e che i loro familiari, insieme a tutta la comunità marinara siciliana e non solo vengono buttati nello sconforto più totale?

È normale che il Governo Nazionale dietro l’alibi della segretezza non riesce a fornire nessun tipo di informazione?

Dato che il Premier Conte ed il Ministro degli Esteri Di Maio sembrerebbero non riuscire a risolvere positivamente la problematica in questione in tempi rapidissimi, immediatamente provvedano almeno a definire una delegazione politico istituzionale, accompagnata anche da personale medico e da alcuni familiari dei pescatori sequestrati, che si possa recare a Bengasi in guisa tale da accettarsi dello stato di permanenza e di salute fisico e mentale dei nostri marittimi in modo tale da rasserenare un intero mondo che sta vivendo momenti di assoluta disperazione.”

Così Toni Scilla, coordinatore Forza Italia provincia di Trapani, già deputato regionale ARS.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Forestali. I sindacati incontrano il dott. Candore. si è parlato di fondi e vicenda arretrati contrattuali

Pac, l’Italia sostenga in Europa le richieste del sindacato sul lavoro