in , ,

“Storia di un incendio”: un libretto per raccontare ai più piccoli il sistema antincendio

Come si può spiegare in termini semplici e comprensibili ai più piccoli come funziona il sistema antincendo, cosa si deve fare e come ci si deve comportare in presenza di un rogo? Per rispondere a questa domanda in maniera concreta al Gaib, il gruppo avvistamento incendi boschivi, e alla Prociv, la protezione civile di Incisa, è venuta l’idea di un libretto illustrato. E’ nato così  “Storia di un incendio” che sarà a disposizione presso gli stand delle due associazioni nell’area Protezione Civile di via Del Puglia durante la manifestazione “Autumnia”.

Nel libretto, edito dal Comune di Figline e Incisa Valdarno e indirizzato ai bambini tra i 6 e gli 8 anni,  si racconta un episodio semi-realistico: un principio d’incendio, causato in estate da un piromane, partito da alcune foglie secche. In quel periodo dell’anno, infatti, complice il caldo, il fuoco si espande con grande facilità e, nei casi di avvistamento di incendio è necessario avvisare le autorità competenti per garantire un pronto intervento.

Nel libretto ogni personaggio ha un nome evocativo in modo da permettere al bambino che legge di ricordarsi i vari passaggi che attivano la Protezione civile in caso di incendio.

Tra i personaggi, oltre a Dario l’incendiario, ci sono Dante il passante, Salvatore l’operatore del 115, Mario il volontario, Sam il pompiere, Costanza, con l’ambulanza, che controlla le condizioni di salute di tutti, e Ale il forestale che, grazie alla collaborazione di un cittadino (Gino il contadino), riesce ad individuare il colpevole e ad arrestarlo.

“Mi ha divertito molto leggere questo libretto, che ritengo sia molto utile per spiegare ai bambini che una delle principali cause di incendio, in estate, è di origine dolosa – ha spiegato il Sindaco Mugnai -. Inoltre, insieme all’opera di sensibilizzare sul tema, le illustrazioni e i testi sono funzionali a far capire quali professionalità, volontarie e non, si attivano in caso di emergenza, e che nel sistema di Protezione civile anche i cittadini, con le loro segnalazioni, possono dare il proprio contributo”.

valdarno post

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Ragusa. Uccide la madre a pugni

Fondi UE. L’Italia non rispetta gli impegni assunti per il mezzogiorno