in ,

Tanti volti noti a difesa delle foreste mondiali

Artisti, influencer, sportivi epersonaggi dello spettacolo parlano ogni giorno a migliaia di persone attraverso i loro canali social, per questo il WWF Italia ha deciso di contattare alcuni di loro e chiedergli di raccontare qualcosa di diverso: dall’Amazzonia all’Indonesia, dall’Africa all’Australia, gli alberi di tutto il mondo stanno scomparendo con la stessa facilità, e noncuranza, con la quale lasciamo che bruci un fiammifero. 

Per questo Filippa Lagerbak, Giovanni Caccamo, Massimiano Rosolino, Giovanni Vernia, Mariano Di Vaio, Luca Ward, Federica Fontana, Leonardo Bocci, Ellen Hidding e molti altri hanno aderito alla #BurningMatchChallenge lanciata dal WWF Italia, condividendo un messaggio per salvare le foreste del pianeta attraverso le storie del proprio profilo Instagram. 

Partecipare alla Challenge è molto semplice: basta accendere un fiammifero e registrare un messaggio personale per difendere le foreste di tutto il mondo e prima di condividerlo sui propri canali social, ricordarsi di sfidare altri tre amici a partecipare e taggare il profilo ufficiale del WWF Italia.

Non solo i personaggi famosi, ma tutti sono invitati partecipare alla#BurningMatchChallenge e a far sentire la propria voce per salvare il nostro patrimonio verde.   

Le foreste sono il nostro scudo contro i riscaldamenti climatici, la desertificazione e la perdita di biodiversità, cibo e acqua. Distruggerle equivale a distruggere la vita sulla Terra. Sul nostro pianeta restano ormai solo 3 mila miliardi di alberi e ogni anno ne perdiamo 15 miliardi. È il momento di intervenire per fermare questa vera e propria catastrofe. 

What do you think?

-1 points
Upvote Downvote

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Contratto integrativo per i Forestali Calabria. In 7000 rischiano di restare al palo

Sardegna. Il Corpo Forestale cambia volto