in , , ,

Tornano a casa i 18 pescatori l’ingresso in porto a Mazara

A Mazara del Vallo (Trapani) è festa all’arrivo dei pescatori liberati dopo 108 giorni di prigionia in Libia. I pescatori sono arrivati poco dopo le 10, nonostante la forte pioggia che dall’alba di oggi cade sulla zona, a bordo dei due pescherecci ‘Antartide’ e ‘Medinea’. Sul molo del porto ad attenderli i familiari sotto i gazebo montati dalla Capitaneria di porto.

La sirena

Annunciati dalla sirena di una motovedetta sono entrati nel boccaporto del Porto Nuovo di Mazara del Vallo i pescherecci Medinea e Antartide, con a bordo i 18 pescatori sequestrati in Libia e rilasciati lo scorso giovedì dopo 108 giorni di prigionia. Partiti da Bengasi intorno all’una di notte di venerdì, le due imbarcazioni hanno navigato per poco meno di 60 ore. Ad attenderli sulla banchina ci sono i familiari e le autorità. Dopo la visita, che sarà effettuata a bordo da un medico. I marinai si sottoporranno a un doppio tampone nei gazebo allestiti al porto.

Negativi i primi tamponi

Risultano negativi i primi dieci tamponi eseguiti sui pescatori del peschereccio Medinea. Restano da fare gli altri otto tamponi antigienici.

Ultima cena a bordo offerta dalla Marina Militare

Ultima cena sui pescherecci, ieri sera, prima dell’approdo a Mazara del Vallo (Trapani) previsto per questa mattina alle 10 per i 18 pescatori liberati giovedì in Libia. La cena è stata offerta dalla Marina Militare e dall’equipaggio della nave «Carlo Margottini» che scorta da due giorni i due pescherecci. Insieme con la cena è arrivato anche un biglietto con su scritto ‘Bentornati a casa’.

L’attesa dell’abbraccio

C’è chi arriva in tailleur, chi con i capelli appena fatti nonostante la pioggia battente. C’è fermento e tanta emozione al porto nuovo di Mazara del Vallo (Trapani) dove sono attesi i due pescherecci mazaresi liberati giovedì mattina in Libia. I parenti sono già tutti arrivati. «Non vedo l’ora di abbracciare mio figlio», dice Anna Giacalone. «Non sto nella pelle- aggiunge- questi giorni non passavano mai. Finalmente ci siamo». Piove ininterrottamente da ore a Mazara. I giornalisti sono stati spostati sotto alcuni gazebo. I parenti sono gli unici ammessi.

Tofalo: «Finalmente a casa»

«Sono finalmente giunti nel porto siciliano i nostri pescatori di Mazara del Vallo. È un momento di immensa gioia per tutta l’Italia. È l’ora di mettere da parte ogni polemica e unirsi alla felicità dei familiari che ora potranno riabbracciare i propri cari e trascorrere con loro, in serenità, le prossime festività. Di questo dobbiamo riconoscere il grande lavoro della Presidenza del Consiglio, del Ministero degli Affari Esteri, dei Servizi di informazione per la sicurezza che hanno lavorato in silenzio e con grande professionalità per riportare a casa i nostri concittadini». Lo scrive in una nota il Sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Ruba legna dal demanio Forestale di Erice. Arrestato un 68enne in flagranza di reato

Natale, le regole per gli spostamenti in auto per evitare le multe