in , ,

Truffa dei 600€ in atto con un click. L’INPS avvisa. “Non cliccate”

cchio alla truffa. L’Inps avvisa gli utenti che è in corso un tentativo di truffa tramite email di phishing finalizzata a sottrarre fraudolentemente il numero della carta di credito, con la falsa motivazione che servirebbe a ottenere un rimborso o il pagamento del bonus 600 euro. Con un comunicato, l’Inps invita “tutti gli utenti a ignorare email che propongono di cliccare su un link per ottenere il pagamento del Bonus 600 euro o qualsiasi forma di rimborso da parte dell’Inps. Si ricorda che le informazioni sulle prestazioni Inps sono consultabili esclusivamente accedendo direttamente dal portale www.inps.it. e che l’Inpa, per motivi di sicurezza, non invia in nessun caso mail contenenti link cliccabili”.

L’Istituto ricorda sempre a tutti i cittadini che in nessun caso acquisisce, telefonicamente o via email ordinaria, le coordinate bancarie o altri dati che permettano di risalire a qualsivoglia informazione finanziaria. Inps invita i propri utenti a non dare seguito a nessuna richiesta che arrivi per email non certificata, per telefono o tramite il porta a porta.

Il mese scorso l’Inps aveva già informato i propri utenti che si erano nuovamente verificati sospetti tentativi fraudolenti di richiesta di dati sensibili, sempre il cosiddetto phishing. In particolare, sarebbe stata messa in atto una campagna di malware attraverso l’invio di SMS che invitavano a cliccare su un link per aggiornare la propria “domanda COVID-19″ e inducevano a installare una app malevola. Questi SMS non erano inviati dall’INPS. Eventuali SMS che l’Istituto dovesse inviare non contengono mai link a siti web, l’unico accesso ai servizi INPS è tramite il sito istituzionale“

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Lombardia. 63 decessi e 577 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Effetti collaterali del Coronavirus. Adesso c’è chi non vuole uscire di casa