in , , , , ,

Un piano di rimboschimento e una riforma del settore Forestale. Domani un piazza Flai,Fai, Uila

            COMUNICATO STAMPA

Domani manifestazione regionale dei forestali siciliani per chiedere un piano di rimboschimento dell’isola che contrasti gli effetti dei cambiamenti climatici, gli incendi che divampano nella stagione calda e metta un freno al dissesto idrogeologico. Su iniziativa di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil siciliane i forestali si ritroveranno alle 10 in piazza del Parlamento. I rappresentanza dell’Anci Sicilia parteciperà il sindaco di Mirto Maurizio Zingales. L’iniziativa è stata preceduta da decine di assemblee nei territori. “Chiediamo una riforma vera – dicono Tonino Russo (Flai), Pierluigi Manca (Fai) e Nino Marino (Uila)- che metta al centro i temi dell’ambiente, della sua salvaguardia e ripristino. Il lavoro dei forestali è importante- aggiungono- e la sua valorizzazione passa da un piano condiviso che restituisca alla Sicilia i boschi, che garantisca gli interventi contro la cementificazione selvaggia e il dissesto che ne consegue, che contrasti l’inaridimento e i colpi di un clima sempre più irregolare, che ci dia anche una forestazione che faccia anche produzione. Lavorare agli obiettivi -concludono- è il modo migliore per garantire, valorizzare e rilanciare il lavoro dei forestali attraverso le stabilizzazioni e l’immissione di energie fresche con nuove assunzioni di giovani in modo che sia man mano garantito il ricambio generazionale . E’ quello che chiediamo al governo regionale, ”.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Forestali. Manifestazione dei confederali domani a Palermo. Il Sifus: “Non partecipiamo agli scioperi quando non ci si può interfacciare con i deputati”

Miccichè incontra i Forestali. “Questo governo ha l’intenzione di varare una buona riforma”