in , , ,

Violazione comunitaria della Regione Sicilia ai danni dei Forestali sull’eccessivo precariato. Messa in mora

Tempi duri per la Regione siciliana. In seguito alla petizione al Parlamento Europeo promossa dallo studio Legale Fasano di Palermo in favore degli operai Forestali a tempo determinato, è stata avviata la procedura di infrazione comunitaria con la contestuale messa in mora. L’ultimo sollecito cui la Regione non ha fornito risposta reca la data del mese di luglio 2020. La messa in mora formale, la seconda dal mese di gennaio 2020, reca la data del 7 settembre 2020. Provvedimenti recentissimi.

Un accorgimentostorico per l’intero comparto che ha dichiarato di fatto lo sfruttamento di professionalità, in regime di precariato, per oltre trent’anni.

Le Istituzioni comunitarie non hanno trovato una valida giustificazione ai contratti a termine applicati in danno dei forestali, operai a tempo determinato, come consacrato nei cedolini paga e nei certificati storici di servizio. Non già stagionali, quindi, ma OTD.

La Commissione Europea ha infatti individuato la violazione del diritto dell’UE sulla base della denuncia da parte dei forestali siciliani motivata sulla circostanza che i rinnovi contrattuali, perpetrati per oltre trent’anni, non presentano una giustificazione in linea con il diritto dell’Unione.

La Regione sarebbe venuta meno agli obblighi di norma previsti dalla Comunità Europea. Violazione piena da parte del diritto interno della direttiva1999/70/CE sul lavoro a tempo determinato.

Alla data odierna la Regione siciliana e lo Stato italiano non avrebbero ancora applicato una misura sanzionatoria atta a limitare l’uso dei contratti a termine nel comparto forestale.

Oggi, quindi, è presente un danno comunitario da eccessiva precarizzazione con condotta resa dalla Regione e dallo Stato italiano.

 Soddisfatti gli avvocati dello studio legale Fasano per il risultato ottenuto. “Quando cinque anni fa venivamo prese per folli, per il sol fatto di aver chiesto, a mezzo dei nostri petitionnaire forestali, l’intervento del Parlamento Europeo, non ci siamo mai tirate indietro, abbiamo puntato l’obiettivo per portarlo avanti, senza se e senza ma. Abbiamo creduto fino in fondo a questa azione, poiché la violazione comunitaria è presente ed è concreta. Ed oggi non possiamo che gioire insieme ai nostri clienti. Per due motivi. Il primo è di semplice deduzione: abbiamo ridato dignità lavorativa ad una categoria, per il mezzo dell’intervento di una istituzione comunitaria, la più importante al mondo, che di fatto ha dichiarato vox populi che i forestalisono stati sfruttati per anni. In secondo luogo, per il fatto di aver anche riabilitato l’immagine, sempre calpestata dai media, di una categoria dove è fin troppo facile buttar veleno. I forestali sono bravissime persone, se poi all’interno di questa categoria vi sono delle pecore nere, non si può fare di tutta l’erba un fascio.Noi cittadini siamo spettatori di violazioni continue da parte anche dei soggetti che ci amministrano. Le cattive persone le tolleriamo ovunque, anche nei luoghi sacri dello Stato, come il Parlamento. Tutte le categorie lavorative vantano tra i propri membri soggetti poco raccomandabili. È la natura umana. E il sol fatto di accanirsi contro la più debole e meno rappresentata, come quella dei forestali,  è atto vile e da vigliacchi”, conclude Angela Maria Fasano.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Il passaggio alla Lega. Figuccia chiede aiuto ai suoi fan su Facebook. “Ditemi cosa devo fare”

Eccessive ore di straordinario, turni e organici ridotti all’osso. Domani protesta di 1500 operai di E-Distribuzione